Focus on

  • TRADURRE UN SITO INTERNET NON E' UNA FACCENDA VIRTUALE


    Ma quante sono le trappole nel variegato mondo della traduzione! Un settore su cui ci si può sbizzarrire - o su cui si può ridere per non piangere - è quello dei siti multi-lingue di aziende che partono, lingue in resta, alla conquista del mercato globale. Aziende prive del rapporto con una filiale o una casamadre, che hanno scelto di realizzare un sito Internet per accrescere la propria visibilità internazionale e offrire in molteplici lingue prodotti e messaggi promozionali.

    Ma purtroppo, navigando sui siti di aziende straniere che propongono anche la traduzione italiana, non è raro imbattersi in localizzazioni a dir poco scadenti, con imprecisioni terminologiche, ricche di errori grammaticali e sintattici, testi persino sospettabili di essere interamente frutto di un software di traduzione.

    Qualche esempio?


    Da un’azienda tessile scozzese:

    Foto di una camicia con la sua bella etichetta di istruzioni per il lavaggio: "Amabile bicicletta" (per "Ciclo delicato").

    Foto di una cravatta, ancora con la sua nobile etichetta: "100% la seta lega" (per "cravatta 100% seta")

    Da un negozio tedesco di giocattoli online:

    "La prudenza non ha raccomandato per i bambini sotto 3 anni maggiori. Può contenere delle piccole parti che attuale un soffoco il pericolo per i giovani bambini."

    Da un locale olandese che punta a una clientela adulta, giovane e internazionale:

    I nostri vini non ti lasciano nessuna speranza (una sorta di slogan, probabilmente a voler dire che dopo aver bevuto i loro vini, non puoi desiderare altro)

    Si prega le signore di non avere figli in sala (il suggerimento era volto a non “portare” bambini nel locale)


    Cosa si può suggerire? Beh, soprattutto a non credere al cugino, alla giovane nipote, all’intraprendente impiegato che “io la lingua la so bene” e a non affidarsi a traduttori free-lance che attraggono perché offrono prezzi stracciati. Una buona traduzione, sebbene riferita a un testo non specialistico quale si può considerare quella di un sito internet, comporta pur sempre un’indubbia sensibilità linguistica e una comprovata esperienza professionale. Un testo per funzionare va riletto più volte e perfezionato; tutto ciò implica del tempo e delle capacità che devono essere riconosciute economicamente

     

    Chiara Ujka

    Marketing – TDR s.r.l.