Archivio degli autori admin

Diadmin

Consigli utili su come richiedere un preventivo per un servizio di revisione

-a cura di Nadia Corti (PM TDR Srl)-

Se all’interno della vostra azienda vi è stato chiesto di trovare un fornitore per una revisione di un
testo scritto in lingua straniera e non sapete da che parte iniziare, ecco di seguito alcuni consigli che
vi aiuteranno a velocizzare la procedura di richiesta e a facilitare il vostro interlocutore nel fornirvi
un preventivo preciso e veloce:

  • Rivolgetevi sempre a una società di traduzioni e interpretariato certificata, in questo
    modo avrete la garanzia di ricevere una risposta trasparente e di avere un servizio di qualità
    svolto da un professionista madrelingua e non da traduttori “improvvisati”.
  • Informate l’agenzia di cosa si tratta: è un testo scritto da voi (o magari da un collega o da un vostro collaboratore) direttamente in lingua straniera, oppure si tratta di una vera e propria traduzione, per cui disponete anche di un testo in lingua d’origine? La traduzione è stata fatta da un’altra agenzia di traduzione o traduttore freelance e volete che venga rivista perché non siete sicuri della qualità?
  • Per l’agenzia è importante visionare il file, in quanto il principale parametro per elaborare un preventivo per una revisione è la qualità del testo. Difatti, tenete in considerazione che spesso servono più tempo e sforzi per correggere una traduzione di scarsa qualità, piuttosto che riscrivere un testo da zero. Inoltre, se è stato scritto direttamente in lingua straniera, è difficile per un revisore che non ha a disposizione il testo originale sapere cosa volesse dire l’autore;
  • Tenete in considerazione che, se si tratta di un documento da asseverare o legalizzare, il
    traduttore che firma il verbale di giuramento si assume la responsabilità della traduzione e
    quindi dovrà avere la possibilità di rivedere accuratamente il testo e, se necessario,
    ritradurlo;
  • Specificate di che tipo di revisione avete bisogno. Il testo è scritto da una persona esperta
    del settore e quindi vi serve una revisione solo dal punto di vista grammaticale/stilistico,
    oppure il revisore dovrà verificare anche la terminologia?

Per questo motivo, consigliamo sempre di fare una valutazione prima di inviare una richiesta di sola revisione: l’autore del testo è madrelingua o ha una perfetta padronanza della lingua in cui
scrive? Conosce il tema trattato e la relativa terminologia in lingua straniera?
Se la risposta è sì, non esitate a chiederci un preventivo e sarà nostra premura farvelo avere!
Se la risposta è no, valutate se non sia meglio richiedere un preventivo per una traduzione da zero,
o fatevi consigliare da un Project Manager a riguardo!

Diadmin

Consigli utili su come richiedere un preventivo per un servizio di interpretariato

-a cura di Matteo Mattarollo (PM TDR Srl)-

Se all’interno della vostra azienda vi è stato chiesto di trovare uno o più interpreti per un convegno, un seminario, una riunione d’affari, un CdA, un corso di formazione, una fiera, ecc. e non sapete da che parte iniziare, ecco di seguito alcuni consigli che vi aiuteranno a velocizzare la procedura di richiesta e a facilitare il vostro interlocutore nel fornirvi un preventivo preciso e veloce.
Rivolgetevi sempre a una società di traduzioni e interpretariato certificata, in questo modo avrete la garanzia di ricevere una risposta trasparente e di avere un servizio di qualità svolto da un professionista madrelingua e non da interpreti “improvvisati”.
Fate la vostra richiesta almeno 15 giorni prima dell’evento, in questo modo avrete più possibilità di trovare professionisti disponibili soprattutto in periodi di intensa attività fieristica o congressuale.
Specificate sempre nella vostra richiesta di preventivo di che tipo di interpretariato avete bisogno e se non lo sapete indicate se si tratta di una conferenza, una tavola rotonda, un incontro d’affari, un CdA, una fiera, ecc., in modo che il vostro interlocutore possa capire, anche attraverso alcune domande specifiche che vi potrà rivolgere, se avete bisogno di un interprete di simultanea, di trattativa o di consecutiva.
Specificate sempre nella vostra richiesta il luogo, la location, le date e la durata dell’evento.
Specificate sempre la lingua o le lingue per cui necessitate l’interpretariato.
Specificate sempre il numero dei partecipanti e il numero dei relatori.
Nel caso in cui vogliate richiedere un servizio di interpretariato di simultanea, specificate se nella location sono già presenti un impianto per la traduzione simultanea e/o un impianto di amplificazione o se, in caso contrario, desiderate ricevere un preventivo che includa il noleggio di questo materiale. In questo caso è indispensabile specificare sempre il numero dei partecipanti e il numero dei relatori.

Simultanea
Traduzione immediata, ascoltata in cuffia. Gli interpreti, situati in cabine insonorizzate dotate di cuffia e microfono, traducono in tempo reale gli interventi dei relatori nelle diverse lingue di lavoro. La giornata standard di interpretariato simultaneo è di 7 ore e richiede due interpreti per lingua che si alternano un’ora ciascuno.
Per gruppi di lavoro di 50/60 persone al massimo e che prevedano la traduzione verso una sola lingua, è possibile utilizzare un sistema di cuffie portatile (sistema “bidule”) che consente di effettuare una simultanea senza dover prevedere l’installazione delle cabine.

Consecutiva
Traduzione non immediata: ogni 5-10 minuti il relatore si interrompe per permettere all’interprete, che nel frattempo ha preso appunti, di tradurre il discorso. La consecutiva è preferibilmente utilizzata per piccoli gruppi di lavoro, meeting e workshop e comunque dove sia richiesta solo una lingua straniera. Il servizio non richiede l’uso di apparecchiature o supporto tecnico e comporta tempi più lunghi dal momento che, oltre al discorso del relatore, bisogna considerare anche il tempo necessario per la traduzione.

Chuchotage (dal francese chuchoter, sussurrare)
Traduzione simultanea sussurrata all’orecchio dell’ascoltatore. Non implica l’uso di impianti o altri supporti tecnici e generalmente si utilizza per assistere 2 o 3 persone al massimo.

Trattativa
Per incontri tecnici, commerciali, training tecnici, accompagnamento di delegazioni straniere e assistenza linguistica in occasione di fiere o eventi.

Per saperne di più non esitate a contattarci.

Diadmin

Consigli utili su come richiedere un preventivo per un servizio di traduzione

-a cura di Matteo Mattarollo (PM TDR Srl)-

Consigli utili su come richiedere un preventivo per un servizio di traduzione ed ottenere una risposta rapida e precisa.

– Se all’interno della vostra azienda vi è stato chiesto di trovare un fornitore per la traduzione di uno o più documenti, ecco di seguito alcuni consigli che vi aiuteranno a velocizzare la procedura di richiesta e a facilitare il vostro interlocutore nel fornirvi un preventivo preciso e veloce.

– Rivolgetevi sempre a una società di traduzioni e interpretariato certificata, in questo modo avrete la garanzia di ricevere una risposta trasparente e di avere un servizio di qualità svolto da un professionista madrelingua e non da traduttori “improvvisati”.

– Quando inviate la vostra richiesta di preventivo assicuratevi di indicare sin da subito la ragione sociale dell’azienda a cui sarà intestato il preventivo.

– Quando inviate la vostra richiesta di preventivo, allegate sempre in visione i documenti da tradurre, se disponibili in formato editabile. L’agenzia di traduzioni ha infatti necessità di visionare i documenti non solo per capire la tipologia testuale da affrontare e per rendersi conto della quantità di testo da tradurre, ma anche per poterli analizzare con appositi software di traduzione che rilevano l’eventuale presenza di parti ripetute all’interno del testo o (nel caso siate già clienti) di parti che si possono recuperare da “memorie di traduzione” create sulla base di testi precedentemente tradotti. Ne potreste avere un vantaggio in termini di costi e tempi.

– Oltre alla combinazione linguistica richiesta, è importante specificare a quale uso sarà destinata la traduzione. È un’informazione che può essere importante per alcune scelte traduttive, ad esempio, il registro da utilizzare.

– Inoltre, se avete bisogno di ricevere le traduzioni entro una scadenza precisa, indicate da subito le tempistiche nella vostra richiesta. Questo permetterà al Project Manager di elaborare un preventivo che tenga conto di questa esigenza ed eventualmente di proporvi soluzioni alternative qualora le vostre tempistiche fossero troppo ristrette per la capacità giornaliera di un traduttore.

– Nel caso di documenti con valenza ufficiale, che devono quindi essere presentati a organi statali o in Tribunale, è importante sapere se sono necessarie anche l’asseverazione e la legalizzazione. I casi in cui queste procedure trovano applicazione sono diversi e dipendono dall’ente che richiede la traduzione; è quindi opportuno che il cliente si informi prima presso l’ente stesso in merito alla procedura necessaria.

– Se desiderate richiedere la traduzione del vostro sito web, è consigliabile inviare in visione i testi da tradurre in formato editabile. In questo modo, il conteggio del testo da tradurre sarà agevolato e il Project Manager sarà certo di includere tutto ciò che va effettivamente tradotto.

Ricordatevi che i parametri per effettuare un preventivo di un testo da tradurre sono sempre la parola, la cartella (1 pagina di 25 righe per 55 battute, ovvero 1375 caratteri) e in alcuni casi come ad esempio per le lingue orientali, il carattere. Non è possibile fare un preventivo in base al numero delle pagine o senza prendere visione del testo da tradurre.
Se non avete i testi disponibili, mettetevi in contatto con un Project Manager che potrà fornirvi comunque delle informazioni di massima.
Per saperne di più non esitate a contattarci.

Diadmin

Agenzie di traduzioni vs Traduttori Freelance

-a cura di Nadia Corti (PM TDR Srl) –

TDR Translation Company ha partecipato ad Atene, gli scorsi 22 e 23 febbraio, alla conferenza “Together” organizzata da ELIA, la European Language Industry Association. L’evento aveva lo scopo di favorire l’incontro tra le LSP e i traduttori freelance, in un’atmosfera di apertura e dialogo in merito alle tecnologie e all’evoluzione del mondo della traduzione.

In un ambiente in cui la maggior parte del lavoro viene gestito tramite una comunicazione di tipo digitale, un’occasione di questo tipo è senza dubbio preziosa per favorire l’incontro e la collaborazione tra due mondi, l’agenzia di traduzione (ovvero il datore di lavoro) e il traduttore freelance. I due attori principali di questo settore raramente entrano in contatto diretto, se non con qualche telefonata: difatti, trovandosi anche a migliaia di chilometri di distanza l’uno dall’altro, spesso collaborano per anni senza mai incontrarsi di persona.

In un’epoca in cui l’automatizzazione sta prendendo il sopravvento (dalla machine translation ai gestionali che rendono il lavoro dei Project Manager sempre più standardizzato ed automatico), è invece fondamentale conservare il lato umano di queste professioni. Ma come?

Il freelance è per antonomasia uno dei mestieri più solitari che ci sia. È facile immaginarsi un traduttore che, solo soletto, magari nel salotto di casa, macina traduzioni di fronte al computer, senza mai uscire di casa. Lo stesso vale con i PM che, dalla loro postazione in ufficio, gestiscono il lavoro e coordinano decine di freelance sparsi per il mondo tramite qualche semplice email. Spesso, per entrambi, la quantità di lavoro, la fretta necessaria per rispettare le scadenze e lo stress portano a una comunicazione stringata e sbrigativa. In questo scenario, il rapporto umano è ancora possibile?

Certamente, ed è fondamentale! Stabilire una relazione di fiducia e collaborazione reciproca non può che facilitare il lavoro per entrambe le parti. Dalle occasioni di confronto possono nascere idee, spunti per migliorare e si possono più facilmente risolvere eventuali conflitti. Per il traduttore, sapere che dall’altra parte del proprio PC c’è un Project Manager disponibile ad aiutare in caso di dubbi terminologici, problemi tecnici con i CAT Tool o semplicemente per commentare una traduzione, non può che incentivare il proprio lavoro. A sua volta, il Project Manager deve sapere di poter contare sui freelance, ai quali affida il lavoro dei propri clienti con la certezza di ricevere puntualmente una lavoro di qualità e di poterli poi consultare in caso di modifiche o dubbi in fase di revisione. Ed è proprio per stimolare e accrescere questo rapporto di fiducia reciproco che è fondamentale approfittare di ogni occasione di incontro e networking, sia essa una conferenza, un corso di aggiornamento o un evento organizzato da fornitori di tecnologie o associazioni di categoria.

Evolversi dal punto di vista tecnologico non vuol dire rinunciare all’aspetto umano del nostro lavoro!

Per saperne di più, non esitare a contattarci.

Diadmin

Traduzione umana e traduzione automatica quale scegliere?

Guida per la scelta giusta fra la traduzione umana e quella automatica

– A cura di Tiziana De Rosa – 

 

Premetto che solo un anno fa a chi mi avesse chiesto di introdurre la traduzione automatica nella mia azienda, avrei risposto con un secco no! Ho sempre avuto una forte repulsione nei confronti di questo tanto temuto mostro tecnologico e sono giunta alla conclusione che questa avversione non derivava dal timore che mi potessi veder sottrarre del lavoro, ma dalla ferita lacerante che provavo ogni volta che sentivo pronunciare quelle due parole. Saranno i sacrifici, l’impegno e la passione che hanno caratterizzato la mia vita professionale di traduttrice prima e di coordinatrice di progetti di traduzione poi, ma mi sembrava inconcepibile che una macchina potesse sostituire tutto questo.
Premessa a parte, è indubbio che negli ultimi anni la tecnologia ha fatto passi da gigante e che la traduzione automatica sta migliorando costantemente in parallelo con la diffusione di nuovi approcci e nuovi sistemi che mirano al raggiungimento di risultati soddisfacenti, come il post editing e i linguaggi controllati.
Il processo di internalizzazione avviato da tempo da molte imprese per adattare i propri prodotti, servizi o marchi ad altri mercati internazionali ha generato un aumento esponenziale dei contenuti da localizzare. Da qui la necessità di implementare strategie di localizzazione che, a seconda della tipologia e della quantità dei contenuti da tradurre e delle tempistiche, possono orientarsi verso la traduzione umana o la traduzione automatica.

Non avendo una conoscenza tecnica della traduzione automatica, non mi addentrerò nella valutazione di quale programma sia meglio utilizzare (anche perché mi sto affacciando ora a questo mondo e ho ancora molto da scoprire), ma voglio semplicemente e sinteticamente dare qualche piccolo suggerimento a coloro i quali pensano che con la traduzione automatica vi sia di default un risparmio.

E dunque quando scegliere la traduzione umana e quando scegliere la traduzione automatica?

Traduzione umana
La buona notizia è che, a mio modesto parere, il traduttore in carne ed ossa non è destinato all’ estinzione.
E’ una questione di qualità ma anche di creatività!
Se si vuole la certezza e la garanzia di presentarsi ai mercati internazionali in maniera professionale, sapendo che l’interlocutore straniero che legge i nostri contenuti non si accorge che sono stati tradotti, non c’è dubbio, rivolgetevi a un traduttore professionista in carne ed ossa. Sicuramente spenderete di più, ma risparmierete in “figuracce”.
Alcune tipologie di testo come ad esempio le newsletter, i comunicati stampa, i contenuti marketing, gli atti giuridici, i contratti, ecc. richiedono una forte abilità traduttiva ed interpretativa e la capacità di adattare i contenuti ai mercati di riferimento. Come può una macchina conoscere la cultura di destinazione, interpretare e localizzare eventuali giochi di parole, metafore, connotazioni o sfumature linguistiche? Semplice, non può riuscirci e né mai ci riuscirà.
Le macchine sono molto brave a “imparare”, ma imparare ad essere creative rimane pur sempre un’utopia.

Traduzione automatica
Quando invece è sufficiente veicolare il senso generale di un testo e tradurre “al volo” contenuti web, post, email, ecc., affidarsi a sistemi di traduzione automatica può essere la soluzione più rapida ed economica.
Ma attenzione! Se i contenuti verranno resi pubblici o utilizzati a scopi ufficiali, la scelta migliore va diretta verso il traduttore umano o, qualora i contenuti fossero numerosi e i tempi ristretti, verso la traduzione automatica con post editing (post-editing Machine Translation – PEMT).
Con la traduzione automatica con post editing, i contenuti pretradotti con sistemi di traduzione automatica vengono revisionati e modificati da linguisti esperti per arrivare ad ottenere un risultato coerente e di qualità ad un costo inferiore e in tempi indubbiamente più rapidi.

Per saperne di più, non esitare a contattarci

Diadmin

Essere madrelingua non basta per essere un buon traduttore

Quali sono le qualità che deve avere un buon traduttore

– A cura di Nadia Corti (PM TDR Srl) –

Quante volte abbiamo sentito dire: “Questo documento lo faccio tradurre ad un mio amico madrelingua”, o peggio “La mia assistente parla benissimo inglese, fa lei tutte le mie traduzioni”.
Questi sono solo due esempi tra i tanti che potremmo citare in merito al falso mito secondo il quale è sufficiente parlare bene due lingue per poter tradurre.
Non c’è nulla di più sbagliato: essere traduttori è una vera e propria professione che richiede studi e competenze specifiche. La traduzione di un testo, difatti, non è una sterile trasposizione di un documento da una lingua all’altra, ma è un’attività che richiede l’interpretazione del significato dell’originale e la produzione di un nuovo testo, mantenendo i significati e adattando il risultato alla lingua di arrivo. Per ottenere un prodotto di qualità, è quindi necessario affidarsi a dei professionisti del settore.
Ma quali sono le qualità di un buon traduttore?
I requisiti di base per diventare traduttore sono ovviamente una perfetta padronanza della lingua verso cui si traduce, accompagnata da una conoscenza molto approfondita delle lingue straniere di lavoro.
Ma non solo: si devono possedere ottime capacità redazionali, in quanto il risultato deve essere un documento che non sembri una traduzione, ma che sia fluido e naturale nella lingua di arrivo. Il traduttore deve essere preciso e rigoroso, rispettando l’originale e trasferendone tutte le informazioni in modo corretto. E ancora: il traduttore deve essere specializzato, per avere competenze terminologiche e contenutistiche nella materia su cui sta traducendo. Senza dimenticare ovviamente un’intensa e continua attività di ricerca e formazione.
Esistono vari livelli di istruzione, sia universitari che post-universitari, con vari gradi di specializzazione (tecnica, giuridica, economica, ecc…) che preparano al mondo della traduzione. Anche se in alcuni paesi non ci sono veri e propri albi ufficiali a cui i professionisti possano iscriversi, è importante ribadire che non è sufficiente avere una buona conoscenza di due lingue per potersi cimentare in questa attività: essere traduttore è una vera e propria professione che richiede preparazione e impegno.
Ed è proprio qui che entrano in gioco le agenzie di traduzione, che svolgono un vero e proprio ruolo di tramite, mettendo in comunicazione il potenziale datore di lavoro alla ricerca di un valido professionista, con il traduttore, a sua volta alla ricerca di lavoro.
Ad oggi, in un campo come quello della traduzione, dove spesso c’è ancora disinformazione e scarsa regolamentazione, è quindi fondamentale affidarsi ad esperti del settore che hanno l’obiettivo di educare il cliente e guidarlo nella scelta più opportuna per le proprie necessità, garantendo inoltre che il lavoro venga affidato a professionisti in grado di offrire un servizio di qualità.

Se sei alla ricerca di un traduttore PROFESSIONISTA e MADRELINGUA, non esitare a contattarci.

Concludiamo con le parole, semplici ma incisive, del Professor François Grosjean (Université de Neuchâtel):
Non basta avere due mani per essere un buon pianista, così come non basta sapere due lingue per essere un buon traduttore e interprete.

Diadmin

Traduzioni giurate e legalizzazioni: tutto quello che c’è da sapere

– a cura di Tiziana De Rosa –

PREMESSA
Qualsiasi documento scritto in una lingua diversa dall’italiano e destinato ad una autorità o ente italiano deve essere accompagnato da una traduzione ufficiale o giurata.
Qualsiasi documento scritto nella lingua italiana e destinato ad una autorità o ente straniero deve essere tradotto, giurato e inoltre legalizzato.
È responsabilità del cliente informarsi delle esigenze specifiche presso le autorità richiedenti, in particolare a riguardo della necessità di una traduzione giurata o della legalizzazione o apostille.

Maggiori informazioni

Diadmin

Come riconoscere un falso profilo di traduttore o “scammer”

– A cura di Tiziana De Rosa –

Questo post è rivolto alle agenzie di traduzione, ai vendor manager e ai clienti diretti che in fase di selezione di nuove risorse esterne vogliono essere sicuri di interfacciarsi con traduttori professionisti “reali” e non scammer.
Il fenomeno dello scam – che non è altro che un tentativo di truffa a discapito di gente onesta che fa il proprio lavoro – ha colpito anche il mondo delle traduzioni, generando non pochi danni o perdite di tempo.
In sostanza si tratta di un vero e proprio furto di identità. Sì, perché stiamo parlando proprio di ladri di identità che tramite la rete si impossessano del curriculum di un ignaro e onesto traduttore sostituendo i dati anagrafici e l’indirizzo mail. In questo modo il committente, che crede di scrivere ad un determinato professionista, in realtà sta scrivendo ad un profilo “scammer” che, se non smascherato in tempo, prende in carico la richiesta di lavoro ed esegue la traduzione, nella maggior parte dei casi tramite un software di traduzione automatica, o la fa eseguire da un’altra persona con pessimi risultati qualitativi. Ovviamente ciò comporta perdite significative, sia economiche che di tempo.
Riconoscere uno scammer può non essere impresa facile, ma con un po’ di esperienza e un po’ di astuzia questi abili frodatori possono essere smascherati al primo colpo d’occhio.

Ma vediamo quali sono i tratti distintivi degli scammer:

  1. Prima di tutto gli scammer non compilano il modulo online del vostro sito. E’ vero, anche i traduttori onesti possono non farlo, ma gli scammer per esperienza non lo fanno mai, inviano direttamente mail massive indesiderate.
  2. Un altro segnale è che nel campo “A” troverete immancabilmente “undisclosed recipients”, o addirittura non troverete nulla. Questo perché la stessa mail viene inviata a centinaia di altre agenzie nella speranza che qualcuno “abbocchi”.
  3. Nella maggior parte dei casi i messaggi sono del tutto impersonali o inesistenti e le mail contengono in allegato solo il curriculum.
  4. Le combinazioni linguistiche offerte sono spesso improponibili, come arabo-finlandese-inglese oppure turco-danese-inglese, ecc.
  5. Il layout e la formattazione dei CV sono quasi sempre molto simili e in più sono spesso caratterizzati da un mix disordinato di font, layout diversi e contenuti discordanti. Questo perché nella maggior parte dei casi il CV è stato rubato e lo scammer non fa altro che usare lo stesso template con una semplice e frettolosa azione di copia e incolla.
  6. Le informazioni contenute nel CV presentano spesso delle incongruenze: così è facile leggere che un traduttore nato nel 1980 abbia iniziato a lavorare come traduttore nel 1985 oppure che il nome della persona da cui proviene la mail sia diverso dal nome della persona che firma o che appare nel CV.
  7. Spesso le tariffe sono ridicolmente basse e fuori mercato.
  8. Un altro sistema per smascherare gli scammer è selezionare un breve estratto del CV, inserirlo in un motore di ricerca come Google (usando la funzione corrispondenza esatta) e voilà! Lo stesso CV circola in rete sotto diverse identità!

Un sistema utile e veloce per scoprire se si ha a che fare con uno scammer è consultare il sito http://www.translator-scammers.com/translator-scammers-directory.htm, che aggiorna costantemente una directory di profili falsi indicando anche il nominativo del traduttore a cui è stata rubata l’identità. Questa dovrebbe diventare una pratica automatica quando si è abituati a ricevere molte candidature, soprattutto dall’estero. Nella maggior parte dei casi è infatti facile smascherare questi veri e propri truffatori.

Con un po’ di esperienza arriverete a cancellare direttamente le mail sospette senza neanche aprirle.

Ma, una volta smascherati, che cosa sarebbe giusto fare?
Avvisare il malcapitato che qualcuno sta usando il suo nome e il suo profilo, rispondere allo scammer che è stato smascherato e mandare una mail a Translator Scammer segnalando i recidivi o i sospetti.
In questo modo aiuteremo Translator Scammer a mantenere aggiornata la lista degli scammer e forse, perché no, a rallentare se non addirittura arrestare questo brutto circolo vizioso.

Diadmin

Checklist per la traduzione di articoli editoriali a cadenza mensile

– A cura di Sara Ripamonti e Matteo Mattarollo –
In questo post ci proponiamo di fornire una checklist utile per chi ha a che fare con la gestione di traduzioni di articoli di riviste o pubblicazioni mensili di vario genere.
Nel corso degli ultimi anni di attività, infatti, oltre ad occuparci di traduzioni prettamente tecniche, abbiamo avuto l’occasione di collaborare con alcune case editrici per la traduzione dall’italiano all’inglese di riviste specializzate in vari ambiti, dal design all’arredamento, dalla gioielleria all’arte, passando per cultura e letteratura. Questo ci ha permesso di raggiungere una discreta abilità nel gestire al meglio questo genere di traduzioni.

Maggiori informazioni

Scopri tutti servizi di traduzione e interpretariato

di TDR Translation company